Come preparare gli onigiri giapponesi con la ricetta originale

Vi ricorda qualcosa la parola onigiri? Se vi dicessimo che li avete visti in quasi tutti i cartoni animati giapponesi? Si, sono proprio quelle deliziose polpette di riso triangolari che si vedono anche in molti video games made in Japan. Oggi su Palermo Ristoranti vediamo come preparare degli squisiti onigiri fatti in casa con la ricetta originale.

Ricetta onigiri giapponesi
Vassoio di onigiri giapponesi preparati secondo l’antica ricetta originale

Cosa sono e come si preparano gli onigiri giapponesi?

Gli onigiri sono delle deliziose polpette di riso triangolari tipiche della cucina giapponese. Gli onigiri possono essere consumati sia caldi che freddi. Solitamente i giapponesi amano gustare gli onigiri ben caldi come spuntino da strada. Non di rado capita infatti di vederli nei film e nei cartoni animati giapponesi. 

Per realizzare la ricetta degli onigiri classici solitamente si usa il riso bianco. Il ripieno degli onigiri può invece essere molto vario, a seconda dei gusti e degli ingredienti che si hanno a disposizione.

Nella preparazione degli onigiri si possono usare diversi ingredienti come: soia, verdure, umeboshi e salmone.

Le origini storiche di queste deliziose polpette di riso nipponiche sono molto controverse. C’è chi afferma che risalgono addirittura all’ XI secolo. C’è chi sostiene che erano lo spuntino preferito dagli antichi samurai giapponesi, che li portavano con loro avvolti in delle foglie di bambù nelle battaglie.

Alcuni storici ed antropologi, invece, non escludono che l’origine di questo piatto possa risalire addirittura al periodo Nara (710-784). In questo periodo infatti in Giappone non si era ancora diffuso l’uso delle bacchette di legno. Il riso veniva spesso salato ed appallottolato per essere consumato più rapidamente e decorosamente.

Come preparare gli onigiri con la ricetta originale - onigiri giapponesi a Tokyo - ricetta onigiri
Tipico chiosco di Tokyo dove vengono venduti i deliziosi onigiri giapponesi

Ingredienti ed occorrente per preparare gli onigiri giapponesi

  • 200 GR DI RISO
  • OLIO DI SEMI
  • ALGHE NORI O KOMBU IN FOGLI
  • SALE
  • RIPIENO A PIACERE (PEZZI DI SALMONE AFFUMICATO, UMEBOSHI, VERDURE)
  • FACOLTATIVI SEMI DI SESAMO (PER DECORARE)
  • FACOLTATIVA SALSA DI SOIA

Se non riuscite a reperire gli ingredienti, potete acquistarli online risparmiando un bel po.

 

Come preparare gli onigiri giapponesi in casa

Per prima cosa dovete cuocere il riso, ovviamente dopo averlo lavato un paio di volte sotto l’acqua corrente in precedenza per togliere l’amido in eccesso. Lasciate quindi raffreddare il riso per qualche minuto a temperatura ambiente. Una volta che il riso si sarà raffreddato, potete finalmente partire con la preparazione degli onigiri.

In una pentola mettete un filo d’olio di semi, il riso ormai freddo e l’acqua. Il riso dovrà essere appena coperto dall’acqua, per evitare di andarlo a scolare in seguito.

Dopo aver portato ad ebollizione il riso, mettete al minimo la fiamma, coprite con un coperchio e lasciate cuocere per circa dieci minuti. Passati i dieci minuti, spegnete il fuoco e lasciate riposare per altri dieci minuti il riso che vi servirà in seguito.

Mettete sul tavolo un tagliere o un foglio di carta da forno. Successivamente, bagnatevi le mani con acqua salata. In questo modo il riso tenderà a non attaccarsi alle mani. Usate un cucchiaio o una paletta per prendere il riso.

Per formare gli onigiri, dopo esservi bagnati le mani con l’acqua salata, create una cavità nella pallina di riso creata in precedenza ma state attenti a non forarla. Inserite il ripieno che preferite, come ad esempio il salmone. Cercate però di non metteterne troppo e ricoprite con altro riso.

Chiudete il riso tra le mani fino a formare un triangolo spesso circa due dita, se volete dargli la forma classica. Alla base del triangolo applicate l’alga nori, che servirà a mantenere le mani pulite mentre si mangia l’onigiri, oltre a far si che le polpette di riso mantengano la propria forma.

Se lo desiderate, potete anche passare i bordi degli onigiri nei semi di sesamo oppure potete intingerli nella salsa di soia.

Gli onigiri si possono preparare il giorno prima, si possono conservare in frigo coperti con della pellicola per alimenti e prima di servirli si possono scaldare al microonde.

Volendo, potete scottarli sulla piastra sempre accompagnati dalla salsa di soia. Gli onigiri, che vagamente ci ricordano le nostre amatissime arancine siciliane o le arancine nere di riso venere delle ricette precedenti, si possono anche congelare per consumarli quando più lo desiderate.

Ancora una volta il riso, oltre a rivelarsi un alimento chiave del nostro benessere, si conferma un ottimo ingrediente di base per la preparazione di squisiti piatti della cucina italiana ed internazionale. L’importante è scegliere sempre un riso di ottima qualità, che volendo potete acquistare anche online direttamente dai link sottostanti.

Se volete assicurarvi una cottura del riso sempre impeccabile, potete anche utilizzare dei bollitori automatici. Li potete comprare in qualsiasi centro commerciale o negozio di elettrodomestici specializzato. Se volete risparmiare un bel po’, potete anche acquistarli online dai seguenti link.

Allora… Come è andata? Siete riusciti a preparare i vostri onigiri giapponesi?

Se vi va, raccontateci nei commenti come è andata e come hanno reagito i vostri ospiti. Se la ricetta vi è piaciuta, condividetela pure ovunque con chiunque vogliate, cliccando sui pulsanti verdi in basso a sinistra!

😀 😀 😀 GRAZIE MILLE E ALLA PROSSIMA!!! 😀 😀 😀

Se non volete perdervi i prossimi articoli, iscrivetevi pure alla nostra cerchia utenti vip e li riceverete tutti gratuitamente via mail!

Posted by PALERMO RISTORANTI

Lascia un commento e partecipa anche tu alla grande community di PALERMO RISTORANTI!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *